lucio_ranucciLucio Ranucci, uno degli esponenti della corrente artistica conosciuta come “cubismo realista” è nato nel 1925 a Perledo (allora in provincia di Como, ora Lecco).

Sia il padre che la madre sono medici e per questo costretti a trasferirsi spesso per lavoro, così Lucio e la sorellina Silvia trascorrono l’infanzia nelle varie condotte tra nord e sud Italia.

Nel 1933, purtroppo, muore il padre Bernardino e la madre decide di trasferirsi a Milano con la figlia, lasciando Lucio in collegio a Perugia, dove il ragazzo resta a studiare per otto anni.

Agli inizi del 1943 Lucio Ranucci, come molti dei suoi coetanei diciottenni, parte volontario con il contingente militare italiano per il Nord Africa per quella che immagina sia un’avventura eroica.

L’avventura dura pochi mesi, nel maggio dello stesso anno viene fatto prigioniero in Tunisia e torna in Italia nel gennaio del 1945, come interprete per le truppe anglo-americane.